Pagina Facebook Twitter

Smart Specialization Strategy (RIS3), chiusa la prima tappa della campagna di ascolto

Smart Specialization Strategy (RIS3), chiusa la prima tappa della campagna di ascolto
  • Si è chiusa con un bilancio di circa 600 presenze la prima tappa del roadshow della consultazione pubblica relativa alla Strategia di Specializzazione Intelligente (RIS3) e all’Agenda Digitale, promossa dalla Giunta De Luca - nell’ambito delle attività del POR CAMPANIA FESR 2014-2020 - per attivare il confronto con il territorio regionale e valorizzarne il potenziale di innovazione.

     A presentare l’iniziativa che ha voluto favorire la messa a punto di strategie in grado di massimizzare l'utilizzo dei Fondi Strutturali e di incrementare le sinergie tra i soggetti che caratterizzano l'ecosistema dell'innovazione, istituzioni pubbliche e private, ma anche il mondo imprenditoriale e della ricerca, gli assessori regionali Valeria Fascione (Innovazione), Serena Angioli (Fondi Europei), Amedeo Lepore (Attività Produttive), il vice capo di gabinetto e responsabile alla programmazione unitaria, Maria Grazia Falciatore e il capo dipartimento Ricerca, Antonio Oddati.

    “Siamo soddisfatti del lavoro realizzato in questi due giorni di lavoro, abbiamo osservato una grande partecipazione di stakeholder, docenti e ricercatori universitari, responsabili innovazione di grandi e piccole aziende, referenti di centri di ricerca e aggregati pubblico-privati, startupper e semplici cittadini e di questo siamo grati perché il riscontro ottenuto ci consente di rispondere in maniera puntuale alle necessità di innovazione del territorio.  – così ha commentato l’assessore Fascione - La campagna di ascolto continuerà online ed è accessibile dal sito della regione Campania in cui sono disponibili i position paper presentati oggi e dove è possibile inviare commenti e contributi fino al 15 giugno. Da aprile a maggio prevediamo di calendarizzare altri appuntamenti provinciali per moltiplicare le opportunità di dibattito con il nostro territorio” ha concluso l’assessore.

    Durante la tre giorni di Innovation Village (Napoli, Mostra d’Oltremare - dal 31 marzo al 2 aprile), si sono tenuti in totale sette tavoli di consultazione settoriale su: Agenda digitale; Biotecnologie, Salute dell’uomo, Agroalimentare; Trasporti di superficie, Logistica; Beni culturali, Turismo, Edilizia sostenibile; Materiali avanzati e nanotecnologie; Energia, Ambiente; Aerospazio.

    “Le opportunità messe in campo dalla Regione con i Programmi Europei sono estremamente significative – ha sottolineato l’assessore Serena Angioli – e obbligano tutti a usare in modo responsabile questa opportunità”. “Perciò l’occasione di oggi è positiva perché ci consentirà di mettere a punto le ultime battute della Programmazione, renderla esecutiva e iniziare quanto prima con le prime opportunità di investimento”.

    La consultazione pubblica proseguirà nelle prossime settimane, coinvolgendo anche altri territori della Regione Campania.

    “La Campania è al momento la terra dello sviluppo e dell’innovazione grazie all’impulso dato dall’amministrazione del presidente de Luca. Il percorso è quello di un aggiornamento e di un miglioramento che ci consenta di utilizzare al meglio le risorse della nuova programmazione concentrando gli interventi, selezionando quelli più significativi ma soprattutto creando un nesso inscindibile tra l’attività di ricerca, di crescita culturale e scientifica di un territorio, con il mondo delle imprese, il mondo produttivo della nostra Regione. Senza questo nesso le risorse non serviranno a fertilizzare il territorio, noi invece dobbiamo determinare una strategia e soprattutto azioni concrete che vadano in questa direzione”.

    Così l’assessore regionale alle attività produttive, Amedeo Lepore il quale ha ricordato anche la recente proposta di legge sull’Industria 4.0 dedicata alla fabbricazione digitale.