Lettera B


Banca centrale Europea (BCE)

La Banca centrale europea (BCE) è la banca centrale della zona euro e un'istituzione dell'Unione europea con sede a Francoforte sul Meno, in Germania. Insieme alle banche centrali nazionali della zona euro forma l'Eurosistema, che guida la politica monetaria nella zona euro. Il suo obiettivo primario è il mantenimento della stabilità dei prezzi, ossia salvaguardare il valore dell'euro. Inoltre, insieme alle autorità di vigilanza nazionali, la BCE svolge funzioni di vigilanza bancaria nella zona euro e negli altri paesi partecipanti al meccanismo di vigilanza unico (MVU).

Banca Europea per gli Investimenti (BEI)

La BEI ha sede in Lussemburgo ed è un’istituzione finanziaria cui contribuiscono gli stati membri dell’Unione europea secondo il  loro peso economico.  Facilita il finanziamento di progetti in tutti i settori dell’economia e dei programmi di investimento congiunturale con gli interventi dei Fondi Strutturali e degli altri strumenti finanziari dell’Unione. Finanzia progetti pubblici e privati di investimento per lo sviluppo economico e l’integrazione dell’Europa principalmente nelle regioni meno sviluppate. Supporta progetti nei settori dei trasporti, telecomunicazioni, trasporto e produzione di energia, competitività, protezione dell’ambiente, promozione del capitale umano. E’ chiamata a finanziare anche progetti di cooperazione verso paesi terzi.

Beneficiario

L’art. 2, punto 10 del Regolamento (UE) n. 1303/2013 recante Disposizioni comuni sui Fondi SIE, stabilisce che è “un organismo pubblico o privato e, solo ai fini del regolamento FEASR e del regolamento FEAMP, una persona fisica, responsabile dell'avvio o dell'avvio e dell'attuazione delle operazioni. Nel quadro dei regimi di aiuti di Stato il beneficiario è l'organismo che riceve l'aiuto; nel quadro degli strumenti finanziari l'organismo che attua lo strumento finanziario”.
L’art. 63, c. 1 chiarisce, inoltre, che “in relazione a operazioni di Partenariato Pubblico Privato un beneficiario può essere: a) l'organismo di diritto pubblico che ha avviato l'operazione; b) un organismo di diritto privato di uno Stato membro (il "partner privato") che è o deve essere selezionato per l'esecuzione dell'operazione”.

Best practices
Le buone prassi costituiscono esperienze di progetto di innovazione e qualità per obiettivi perseguiti, strumenti utilizzati e risultati ottenuti che divengono dei punti di riferimento utili per chi decide di avviare nuovi progetti.

Bilancio
Gli Stati membri dell’UE contribuiscono al bilancio comune per raggiungere gli obiettivi comuni.Gli Stati membri contribuiscono direttamente in proporzione al proprio reddito nazionale lordo (RNL). I dazi doganali e il gettito IVA costituiscono fonti aggiuntive di introiti. Il massimale di bilancio è attualmente fissato all’1,23 % dell’RNL dell’UE.In termini di procedura, la Commissione europea propone un progetto di bilancio che riflette gli obiettivi chiave della politica dell’Unione, quali crescita e occupazione, ricerca, cambiamenti climatici ed energia. Successivamente, gli Stati membri avviano i negoziati con il Parlamento europeo al fine di modificare il progetto di bilancio, per poi adottarlo. La Commissione è chiamata a garantire che il bilancio dell’UE sia speso in conformità al regolamento finanziario dell’Unione. L’attuale quadro di bilancio copre il periodo 2014-2020, mentre i programmi di bilancio annuali forniscono dettagli specifici riguardanti la spesa. In questo ciclo, i Fondi strutturali e di coesione riceveranno un quota pari a circa il 32,5 % del bilancio complessivo, ovvero 351,8 miliardi di EUR (ai valori 2014).

BURC 
Bollettino Ufficiale Regione Campania.

 

TORNA ALL'INDICE