Pagina Facebook Twitter

Lettera G

  • Gestione condivisa
    Vi sono due tipi principali di aiuti comunitari: i fondi gestiti a livello centrale, direttamente dalla Commissione europea, ad es. destinati alla ricerca, e i fondi caratterizzati da una gestione condivisa tra l’UE e gli Stati membri, ad es. i Fondi strutturali e il Fondo di coesione. L’UE affida la gestione di quest’ultimo agli Stati membri. La maggior parte degli aiuti comunitari comprende fondi che rientrano nella gestione condivisa dagli Stati membri. Per i fondi in «gestione condivisa», la Commissione attualmente delega agli Stati membri l’attuazione dei programmi a livello nazionale. Questi ultimi, a loro volta, erogano gli aiuti ai beneficiari finali (ad es. società, agricoltori, comuni, ecc.). Ogni Stato membro ha la responsabilità primaria di creare un sistema di gestione e controllo conforme ai requisiti previsti dai regolamenti, garantendo che esso funzioni in maniera efficace, nonché di prevenire, individuare e correggere qualsiasi tipo di irregolarità. La Commissione svolge un ruolo di supervisione e garantisce che le disposizioni che regolano il sistema di gestione e controllo siano conformi alle normative pertinenti. A tal fine, essa verifica l’efficacia del funzionamento del sistema e adotta correzioni finanziarie, laddove necessario.

    Grandi Progetti
    È "un'operazione comprendente una serie di opere, attività o servizi in sé inteso a realizzare un'azione indivisibile di precisa natura economica o tecnica, che ha finalità chiaramente identificate e per la quale il costo ammissibile complessivo supera i 50.000. 000 EUR e, nel caso di operazioni che contribuiscono all'obiettivo tematico [...], qualora il costo ammissibile complessivo superi i 75 000 000 EUR" (articolo 100 del Regolamento (UE) n. 1303/2013 recante Disposizioni comuni sui Fondi SIE).
    La considerazione n. 92 del preambolo del Regolamento (UE) n. 1303/2013 ricorda, inoltre, che “i grandi progetti rappresentano una quota considerevole della spesa dell'Unione e spesso rivestono un'importanza strategica in relazione al raggiungimento degli obiettivi della strategia dell'Unione per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva”.

    Gruppi europei di cooperazione territoriale (GETC)
    I Gruppi europei di cooperazione territoriale hanno l’obiettivo di facilitare e promuovere la cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale all’interno dell’UE. Tra le loro mansioni, vi è l’attuazione dei programmi cofinanziati dall’UE o di qualsiasi altro progetto europeo di cooperazione transfrontaliera. In quanto persone giuridiche, i GETC riuniscono autorità provenienti da diversi Stati membri. Essi possono essere composti dagli Stati membri stessi, da autorità regionali o locali, associazioni o qualsiasi altro ente pubblico. Ciascun GECT deve avere al suo interno membri provenienti da almeno due Stati membri diversi.
    Per saperne di più: Gruppi europei di cooperazione territoriale

    Gruppo Locale di Azione (GAL)
    È un gruppo (generalmente una società consortile) composto da soggetti pubbliciprivati del territorio che riceve finanziamenti per attuare strategie di sviluppo locale dirette a favorire il progresso di un’area  mediante la concessione di sovvenzioni a progetti locali. Il GAL è, in altri termini, uno strumento di programmazione che riunisce tutti i potenziali attori dello sviluppo (quali sindacati, associazioni di imprenditori, imprese, comuni, ecc.) nella definizione di una politica “concertata” elaborando e attuando le strategie di sviluppo locale di tipo partecipativo (Articolo 34 del Regolamento (UE) n. 1303/2013 recante Disposizioni comuni sui Fondi SIE)

    GURI

    Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 

    GUCE
    Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea

    La Gazzetta ufficiale, pubblicata dall’Ufficio delle pubblicazioni dell’UE e più comunemente denominata GU, è:

    • il nucleo centrale della legislazione dell’UE;
    • pubblicata quotidianamente (dal lunedì al venerdì e, in casi urgenti, nei fine settimana e nei giorni festivi).

    Contiene:

    Viene pubblicata in due serie:

    • L (legislazione); e
    • C (informazioni e avvisi).

    Vi sono inoltre tre sotto-serie.

    • CA contiene avvisi di posti vacanti. Queste edizioni vengono pubblicate in una, alcune o tutte le lingue ufficiali.
    • LI e CI, che consentono una maggiore flessibilità in caso di modifica del contenuto previsto della GU, in particolare per i documenti che devono essere pubblicati poco tempo dopo la loro adozione.

    Il Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, dedicato agli appalti pubblici europei, è pubblicato sul sito web TED (Tenders Electronic Daily).

    Le pubblicazioni elettroniche della Gazzetta ufficiale (GU) hanno valore giuridico a partire dal 1o luglio 2013. Sono disponibili su EUR-Lex. L’edizione elettronica è autentica e produce effetti legali, mentre la versione cartacea non ha più valore legale. Tuttavia, in caso di un’interruzione imprevista ed eccezionale dei sistemi informatici dell’Ufficio delle pubblicazioni, è la versione cartacea ad avere valore legale.

    Inoltre, quando un paese aderisce all’Unione europea, viene pubblicata un’edizione speciale della GU che contiene il diritto derivato in vigore alla data di adesione del paese in questione. Gli atti pubblicati nelle edizioni speciali sono raggruppati in volumi nell’ordine della loro pubblicazione e sono suddivisi in capitoli, corrispondenti ai capitoli dell’elenco della legislazione dell’UE.

     

    TORNA ALL'INDICE