Pagina Facebook Twitter

Contributi per i liberi professionisti

Contributi per i liberi professionisti
  • L’avviso ha la finalità di sostenere le attività dei liberi professionisti, in forma singola e/o associata, operanti sul territorio regionale attraverso la concessione di agevolazioni a sostegno di programmi per investimenti materiali e immateriali, prevalentemente per l’innovazione tecnologica e digitale con particolare riguardo alle tecnologie abilitanti.

    Possono presentare domanda di agevolazione i liberi professionisti, in quanto soggetti che esercitano attività economica, che si trovino in una delle seguenti condizioni:

    1.a) siano liberi professionisti in forma singola che abbiano eletto a luogo di esercizio prevalente dell’attività professionale uno dei Comuni della Regione Campania;

    1.b) siano “aspiranti liberi professionisti in forma singola” ossia persone fisiche, non ancora in possesso di una partita IVA riferibile all’attività professionale che intendono avviare. Tali soggetti sono tenuti, prima dell’adozione del provvedimento di concessione, ad:

    · aprire la partita IVA riferibile all’attività professionale oggetto del programma di investimento presentato.

    · avviare tale attività professionale in un luogo di esercizio in Regione Campania;

    1.c) associazioni tra professionisti mono e multidisciplinari aventi il luogo principale di esercizio nel territorio della Regione Campania.

    I soggetti proponenti sono tenuti a presentare, a pena di esclusione, la domanda in formato elettronico, accedendo alla piattaforma informatica che la Regione Campania renderà accessibile attraverso i link riportati sul sito internet www.regione.campania.it.
    La piattaforma sarà resa accessibile entro il 60° giorno dalla pubblicazione del presente Avviso sul BURC.

    Sono ammissibili alle agevolazioni i programmi di investimento finalizzati all’avvio e allo sviluppo di attività professionali da svolgere in luoghi di esercizio ubicati sul territorio della Regione Campania che presentino spese in attivi materiali e immateriali per l'innovazione tecnologica e digitale pari almeno al 70% del programma di investimento.Tra le spese ammissibili: spese per investimenti materiali  (esempio: acquisti macchinari, attrezzature a tecnologia avanzata, ecc.); spese per investimenti immateriali (esempio: acquisto brevetti, licenze, software, certificazioni, ecc.).

    Sono ammissibili al contributo regionale i Programmi che comportino spese totali ammissibili uguali o superiori ad Euro 5.000,00. Sono in ogni caso esclusi:

    · gli investimenti meramente sostitutivi che non siano riconducibili ad un programma/progetto organico finalizzato ad introdurre innovazioni come sopra descritto;

    · i cambiamenti o gli adeguamenti periodici o stagionali o altre simili attività di routine;

    · gli investimenti necessari per l’adeguamento ad obblighi imposti dalla legge o da Regolamenti.

    · i programmi di investimento le cui attività, oggetto di domanda di partecipazione al Avviso, siano connesse all’esportazione verso paesi terzi o Stati membri;

    · i programmi di investimento le cui attività, oggetto di domanda di partecipazione al Avviso, siano subordinate all’impiego di prodotti nazionali rispetto a quelli d’importazione.

    Il contributo in conto capitale a fondo perduto è concesso, nella forma di sovvenzione, ai sensi del Regolamento (UE) n. 1407 del 18 dicembre 2013 relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti «de minimis».

    Il contributo massimo concedibile non potrà superare € 25.000,00.

     

    L’Avviso è stato approvato con Decreto Dirigenziale n. 2 del 23.01.2017 della Direzione Generale per lo Sviluppo Economico e le Attività produttive, emesso a seguito dell’approvazione da parte della Giunta Regionale della Delibera n. 17 del 17.01.2017 che stabilisce di procedere, nelle more della definizione della exit strategy, alla programmazione di 10 milioni di euro, quale prima quota dei rientri POR FESR 2007-13 dell’iniziativa Jeremie Campania, per misure agevolative a favore dei liberi professionisti operanti sul territorio regionale.

    La presente è una descrizione sintetica e non esaustiva dell’Avviso. Le informazioni complete sono reperibili dalla documentazione pubblicata sul BURC.